Radio Migranti

FILASTROCCHE DAL MONDO

Le filastrocche sono un patrimonio comune a tutti i bambini del mondo, la loro semplicità e musicalità le rende facili da ricordare e simpatiche da ripetere, ma allo stesso tempo ci insegnano qualcosa, ci aiutano a memorizzare informazioni di vario genere.

Questo il filo conduttore del percorso scelto per iniziare a parlare di migrazione e di accoglienza all’interno di una classe prima, in un contesto scolastico dove si inseriscono pochi alunni stranieri o figli di coppie miste.

Quale miglior fonte per cercare materiale se non le famiglie?

Abbiamo chiesto ai genitori filastrocche sul tempo e sui numeri, in tutte le lingue da loro conosciute e parlate in casa. Abbiamo così ricavato un archivio in quattro lingue diverse: italiano, friulano, rumeno e castigliano, che ci ha dato lo spunto per parlare di paesi diversi, di lingue diverse, in lingue diverse, ma di contenuti uguali.

La visita a scuola di due mamme che provengono dalla Romania e di una nonna argentina hanno reso le lezioni più vere, interessanti e interattive.

Abbiamo trovato le differenze, ma soprattutto le similitudini tra i vari luoghi di provenienza, scoperto che riusciamo a capire qualche parola in altre lingue, perchè sono molto simili tra di loro.
Abbiamo conosciuto segni e suoni diversi dai nostri e la curiosità dei bambini ci ha portato fino al latino, lingua madre di tutte quelle che abbiamo ascoltato e che rende possibili tante somiglianze.

Ci siamo ritrovati ad aprire l’astuccio e a nominare il suo contenuto in tutte queste lingue, aggiungendo l’inglese e ricordi scolastici di mamme ed insegnanti su tedesco e francese,  divertendoci e sorprendendoci!

I bambini hanno portato a casa un libretto che raccoglie tutte le filastrocche, per poter condividere con i genitori il lavoro svolto e per continuare a visitare, attraverso le parole, luoghi nuovi.

L’interesse, la curiosità e vedere i bambini sfogliare a ricreazione il librone di classe, cercare di leggere le altre lingue, chiedere aiuto ai bambini che le conoscono è stato senz’altro il risultato più importante di questo lavoro.

Autori
alunni della classe I della scuola primaria di Colloredo di Monte Albano

Tempi
un mese di lavoro con i bambini più il tempo di raccolta e preparazione.

Strumenti e mezzi
fotocamera digitale, microfono, computer, fogli e colori, carta geografica, filastrocche in lingue diverse.

Condividi e diffondi questa pagina:
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • Add to favorites
  • Print
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • Tumblr