Radio Migranti

IO SO

“Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli” diceva Lev Vygotskij.

Nella scuola primaria di Orsaria ci sono tanti bambini, molti provengono da paesi lontani e conservano ancora le parole e i ricordi di lingue e tradizioni diverse.

E’ la settimana dedicata ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e a scuola le insegnanti desiderano coinvolgere tutti gli alunni in momenti che li vedano insieme, in un progetto comune da realizzare mettendo in campo competenze e linguaggi diversi.

Si attiva così un lavoro di cooperative learning che coinvolge tutte e cinque le classi.  Lo scopo è stimolare gli alunni alla discussione e al confronto con gli altri.

L’imput dato : “Quali sono le cose che sapete fare meglio? Provate a elencarle tutte”

Fare un lungo elenco è facile, spuntare le  voci simili anche, il difficile è doversi confrontare con la propria classe prima e poi con le altre classi per pervenire ad un elenco definitivo di una dozzina di voci.

Ognuno parla un po’ di sé, racconta, scopre somiglianze e differenze. Si argomenta, si vota, si discute anche animatamente.  Gli alunni concordano quindi l’elenco definitivo.

Si lavora alla realizzazione di un podcast dove gli alunni delle diverse nazionalità hanno modo di esprimersi nella loro lingua.

Le classi si mescolano durante il lavoro, i bambini si riscoprono, ascoltano, vogliono  sapere qualche cosa di più dai compagni “che parlano così diverso”. Vengono così prodotti nuovi materiali, nati dalla spontaneità e dall’iniziativa di questo vivace gruppo di 98 bimbi.

Si elaborano due video, un ulteriore modo per dare più forza alle parole, per valorizzare il lavoro di tutti e per dare l’opportunità agli alunni di cimentarsi con ruoli ancora diversi.

Il video che qui potrete vedere, è realizzato in aula con semplici mezzi: un cartellone bianco, una lampada, una telecamera fissa.

E’ il gioco delle ombre, perché  il linguaggio del corpo ci accomuna, perché è bello giocare a far finta di, perché non tutto quello che si vede è sempre reale, perché la luce trasforma, perché le mie mani possono diventare una farfalla e in tre diventiamo un albero gigantesco dice Elena e tutti insieme diventiamo una cosa grande aggiunge Francesca di 6 anni.

Per  registrare le tracce audio abbiamo usato un microfono collegato ad un computer e il software Garage Band di Apple. Così abbiamo registrato le voci dei bambini e scelto con loro una base musicale. Il file audio, salvato in formato Mp3 è stato poi esportato, insieme al girato video, nel programma iMovie, per il montaggio.

Al progetto hanno collaborato tutte le insegnanti della scuola Primaria di Orsaria.

Il video è stato curato dall’insegnante Giuliana Fedele.

 

Condividi e diffondi questa pagina:
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • Add to favorites
  • Print
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • Tumblr