Radio Migranti

MURI IN TEO SE SELITA – MURI E TEO MIGRANO

Scuola Bilingue di S.Pietro al Nat. “Muri in Teo se selita” è la storia in 16 radiodrammi di un gatto e di un topo che decidono di scoprire il mondo attraverso gli occhi degli animali migratori accompagnandoli nel loro viaggio Incontrano le rondini pronte a partire per l’Africa. Il gabbiano li trasporta a Marano. Con Capitan Geremia navigano verso il mare aperto. Le anguille li accompagnano fino all’Oceano Atlantico. La balena Kit li porta in Antartide, dove incontrano i krill e i pinguini, e in Australia, dove trovano il calamaro gigante e la verdesca. La verdesca li accompagna in California. Da lì viaggiano con i pipistrelli messicani fino alla prateria, dove trovano gli indiani e il bisonte. Con il bisonte si spostano a nord. Lì incontrano il salmone e l’orso bruno. Quest’ultimo li accompagna al polo nord dall’orso polare. Insieme attraversano lo stretto di Bering e in Asia incontrano le renne. Le renne li accompagnano in Europa fino all’Aia. Qui trovano la cicogna, che li riporta a casa.

ASCOLTA IL 2° RADIODRAMMA- LASTROVKE

Autori: I radiodrammi sono stati creati dalla seconda A e seconda B della Scuola Primaria Bilingue di San Pietro al Natisone.

ASCOLTA IL 2° RADIODRAMMA – GABBIANO

Breve descrizione: Gli alunni si sono chiesti cosa spinge gli animali a migrare da un capo all’altro del mondo. Per poter raccontare in modo simpatico i motivi della loro migrazione, hanno dovuto con l’aiuto delle insegnanti fare una piccola ricerca su tutti gli animali protagonisti delle storie. Che cos’hanno scoperto? Che con il passare delle stagioni, cambia il clima e gli animali devono adattarsi a questi cambiamenti. Di solito migrano per cercare cibo, per accoppiarsi e procreare, per assicurare ai propri piccoli un ambiente non troppo ostile dove poter crescere. Ma perché sono migrati Muri e Teo? Infondo l’ambiente dove vivono non li è ostile. Anche il desiderio di conoscere, ciò che è sconosciuto e diverso può essere un buon motivo per migrare.

ASCOLTA IL 3° RADIODRAMMA – GEREMIA

Metodologia: Gli alunni guidati dalle insegnanti hanno inventato le storie, che sono state successivamente trasformate in sceneggiature per radiodrammi. Essi hanno anche scelto due compagni per il ruolo di Muri e Teo, i due protagonisti che si sentono in tutte le storie. Ogni alunno ha potuto far sentire la propria voce in una o più storie, dato che a ognuno è stato assegnato un animale. Tutti (a turno), anche le insegnanti si sono sbizzarriti a creare rumori dell’ambiente con materiali diversi. Otto radiodrammi sono realizzati in lingua slovena, otto in lingua italiana; le due lingue si alternano, dimostrando con che facilità gli alunni passano da una lingua all’altra.
Strumenti e mezzi: Gli alunni hanno utilizzato la propria voce sia per dar vita ai personaggi dei radiodrammi sia per creare assieme a materiali poveri e semplici strumenti musicali suoni e rumori dell’ambiente. Il tutto è stato registrato e montato con il programma Garage Band.

ASCOLTA IL 4° RADIODRAMMA – JEGULJA

Tempi: Sono stati creati due radiodrammi al mese. Questo progetto comprende tutto l’anno scolastico.

ASCOLTA IL 5° RADIODRAMMA – BALENA

Luoghi: L’idea di creare radiodrammi parlando di animali migratori è nata al Campus di Tribil e si è concretizzata e si concretizza tutt’ora dalla fantasia e la voglia di conoscere degli alunni in classe.

ASCOLTA IL 6° RADIODRAMMA -  PINGVINA

Presentazione: Alla fine dell’anno scolastico verrà creato un CD che verrà presentato ai genitori e regalato agli alunni delle classi seconde.

ASCOLTA IL 6° RADIODRAMMA – IL CALAMARO GIGANTE

Coordinamento e tutoraggio: Le docenti Luana Drigo e Isabella Coren hanno guidato gli alunni nelle ricerche sugli animali migratori, hanno trasformeto le storie scritte dagli alunni in sceneggiature, hanno aiutato gli alunni a registrare le voci e i rumori, hanno eseguito il montaggio. Le canzoni nei radiodrammi eseguite dagli alunni sono state create dalle docenti.

ASCOLTA IL 6° RADIODRAMMA – I SINJI MORSKI PES

Condividi e diffondi questa pagina:
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • Add to favorites
  • Print
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • Tumblr